Come aumentare l’autostima di tuo figlio…con meno complimenti

feb  09
12

hjem“Ma quanto sei bravo, sei bravissimo!” Tendiamo a dare spesso complimenti ai nostri figli, ma nel complimento è implicita una valutazione che potrebbe dare al bambino una scarsa autostima. Piuttosto, sostituite i complimenti con la vostra presenza, incoraggiamento e partecipazione. ‘Per i genitori di bambini piccoli è facile entusiasmarsi per ogni progresso ma, anche se i complimenti ci vengono spontaneamente, dobbiamo cercare di farlo un po’ meno’, afferma lo psicologo Dan Svarre. Perché i complimenti hanno un lato negativo, cioè una valutazione riferita al modo di essere del bambino e alle sue capacità, che a lungo andare potrebbe causare insicurezza e sviluppare nel bimbo bassa autostima. Dire invece “ben fatto” di una prestazione appena compiuta, è positivo perché diretto alle competenze del bambino, sottolinea Dan Svarre. Esistono due definizioni che spesso tendiamo a confondere: fiducia in se stessi ed autostima. Mentre la prima si riferisce a qualcosa che facciamo, ovvero avere fiducia nelle nostre capacità, l’autostima è il fondamento della nostra personalità. Ricevere complimenti, potrebbe così rafforzare la fiducia che ha il bambino ha in se stesso ma potrebbe allo stesso tempo penalizzare la sua autostima visto che, lodando alcuni aspetti, il bambino potrebbe interpretare altri lati della sua personalità come meno ‘giusti’.
Quello di cui i bambini hanno bisogno é l’incoraggiamento e sentire la presenza e la partecipazione dei genitori. Non è poi soltanto dando complimenti che rischiamo di giudicare il bambino in maniera poco costruttiva. Commenti quali “Adesso sei troppo grande per usare il ciuccio” o “sei troppo piccolo per viaggiare sul sedile anteriore” sono anche giudizi che confondono e rendono insicuri i bambini. Molto meglio, invece, è se i genitori assumono il ruolo dei leader dicendo semplicemente”E’ così perché lo decido io”.
L’articolo è stato tradotto dal danese e per chi mastica questa lingua, lo potete trovare qui.


Condividi:
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Facebook
  • OKnotizie
  • Google

Questa voce è stata pubblicata in Crescita e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>